Legge caccia: non lasciatevi abbindolare!

Francesco Maggi, responsabile WWF Svizzera italiana

Il prossimo 27 settembre il popolo dovrà esprimersi sulla proposta di revisione della legge sulla caccia. Una revisione fortemente voluta dalla lobby dei cacciatori e sostenuta da un parlamento, allora, ben poco sensibile alla protezione dell’ambiente. Dovesse essere approvata questa revisione, la vecchia legge sulla caccia e la protezione dei mammiferi e degli uccelli selvatici, molto equilibrata e votata dal parlamento praticamente all’unanimità, verrebbe sostituita con una nuova legge completamente sbilanciata a favore della caccia e che ha diviso il parlamento. Non solo, le principali associazioni di protezione della natura, le associazioni di protezione degli animali e gli zoo svizzeri hanno deciso di lanciare, con successo, il referendum contro questa nuova inaccettabile legge. In caso di vittoria del referendum rimarrebbe così in vigore la legge attuale. Malgrado l’ampio fronte contrario alla nuova legge, i favorevoli cercano di dipingere la revisione come un’operazione a favore della natura e degli animali, salvo l’odiato lupo, che sarebbe – a detta di loro – l’unica specie ad aggiungersi allo stambecco nella lista delle specie ‘regolabili’, vale a dire che potranno essere abbattute.  Niente di più falso! La nuova legge (art. 7a, cpv 1, lett. c) conferisce pieni poteri al Consiglio Federale (come in caso di guerra o pandemia!) per aggiungere in qualsiasi momento altre specie abbattibili direttamente nell’ordinanza di applicazione della legge, quindi scavalcando il parlamento, il popolo e le associazioni di protezione della natura (non è prevista la possibilità di ricorrere). Il Consiglio Federale, nell’ordinanza attualmente in consultazione, ha già aggiunto il cigno reale (!) a questa lista della morte, mentre nel messaggio sulla nuova legge ha già preannunciato l’inserimento di altre specie. Quali? Molto probabilmente lince e castoro, in quanto la camera degli Stati si era già espressa a favore della regolazione nella misura del 61% per la lince e del 64% per il castoro. Anche il Nazionale si era espresso a favore della regolazione del castoro e aveva respinto di misura (97 a 94 voti) l’inserimento dell’airone cenerino e dello smergo maggiore ma solo per ragioni strategiche in quanto nel frattempo era stato annunciato il referendum. Per lo stesso motivo, le camere hanno deciso di ritornare sulla loro decisione e non inserire lince e castoro. Un altro bel esempio di come si intende ingannare il popolo: far votare una lista quasi vuota e poi tornare a riempirla una volta superato lo scoglio del voto popolare. Pertanto, non lasciatevi ingannare: questa legge spalanca le porte alle lobby forti (cacciatori, pescatori, agricoltori) per esercitare pressioni politiche sul Consiglio Federale affinché allunghi la lista delle specie da abbattere, quelle a loro invise come lince, castoro, orso, airone, smergo maggiore, lontra e così via. Per raggiungere questo obiettivo il fronte del sì utilizza il lupo, ma già oggi questa specie può essere abbattuta, come ad esempio nei Grigioni dove tutti i 4 giovani di un branco sono stati uccisi. Pertanto, se avete a cuore le sorti delle specie protette in Svizzera non lasciatevi abbindolare e votate NO il prossimo 27 settembre a questa inaccettabile revisione della legge sulla caccia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...