I veri numeri del lupo * The true numbers of the wolf

(c) WWF CH https://www.wwf.ch/it/specie/lupo-predatore-sociale

Cortesia di Alessandro Bassi Cademario (english text below)

Un vecchio aforisma così recita: ” Gli uomini usano le statistiche (e i numeri) cosi come un ubriaco usa i lampioni: non per illuminare la strada ma per sostegno”. È quello che sta accadendo ormai da mesi da parte dell’Associazione per un territorio senza Grandi Ppredatori e da tutti coloro che promuovono il loro sterminio.

Facciamo un confronto tra due territori: il Canton Ticino e il Parco Nazionale d’Abruzzo. Il Ticino ha una superficie di 280.000 ettari, di cui boschive, agricole ed improduttive (alta montagna, ad es.) per 150.000 ettari. Il Parco Nazionale d’Abruzzo ha una superficie di 50.500 ettari ed una zona di protezione esterna (ZPE) di 80.000 ettari; un totale di 130.500 ettari. In Ticino si stimano mediamente una decina di lupi, 80 in tutta la Svizzera. Nel Parco d’Abruzzo si stimano un’ottantina di lupi, un numero uguale a quello dell’intera Svizzera su un territorio inferiore a quello del Ticino.  Per non parlare dei circa 50 orsi presenti nel parco. 

In Svizzera, invece, l’orso è riapparso nel 2005 dopo averlo sterminato, insieme a tutti i grandi predatori eccetto l’aquila, 100 anni prima!

In Ticino si trovano 588 aziende di allevamento di animali secondo il rapporto dell’Ufficio di statistica del Cantone Ticino. Nel Parco d’Abruzzo, invece, sono presenti 1665 aziende di allevamento di animali (vd. Conflitto tra grandi carnivori e attività antropiche nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise- Università di Padova 2012-2013).

Il Parco d’Abruzzo ha piû di 1 milione di visitatori all’anno contro 1,6 milioni di turisti nel Cantone nel 2016, ad esempio. Come mai in Abruzzo è possibile una simile convivenza, anche con ovvi ma superabili problemi?

Con simili dati è mai possibile che si continui a gridare, come nell’800: Al lupo! Al lupo!?”. Ê mai possibile che, come nell’800, un’associazione come quella per un territorio senza grandi predatori, presente in tutta la Svizzera, ripeta slogan che risalgono a 100 anni fa? Nel 1911 un famoso naturalista italiano, Alessandro Ghigi, scriveva sul Corriere della Domenica: “Ove il Governo non provveda a tempo, date le ben note abitudini del lupo, non dovrà recar meraviglia se fra qualche anno, in occasione di nevicate eccezionali, si sentirà parlare paurosamente di lupi affamati, riuniti a frotte nel Mezzogiorno d’Italia”. 

Nei decenni successivi il lupo venne quasi sterminato, in realtà. Altro che “lupi affamati”.

An old aphorism goes like this: “Men use statistics (and numbers) just as a drunk uses street lamps: not to light the way but to support”. This is what has been happening for months by the Association for a Territory without Large Predators and by all those who promote the killing of them all.

Let’s make a comparison between two territories: the Canton of Ticino and the Abruzzo National Park. Ticino has an area of ​​280,000 hectares, of which 150,000 hectares are wooded, agricultural and unproductive (high mountains, for example). The Abruzzo National Park has an area of ​​50,500 hectares and an external protection area (ZPE) of 80,000 hectares; a total of 130,500 hectares.
An average of ten wolves are estimated in Ticino, 80 throughout Switzerland. In the Abruzzo Park there are an estimated eighty wolves, a number equal to that of the whole of Switzerland in a territory smaller than that of Ticino. Not to mention the approximately 50 bears in the park.

In Switzerland, however, the bear reappeared in 2005 after having exterminated it, along with all the large predators except the eagle, 100 years earlier!

In Ticino there are 588 animal breeding companies according to the report of the Statistics Office of the Canton of Ticino. In the Abruzzo Park, on the other hand, there are 1,665 animal breeding farms (see Conflict between large carnivores and anthropogenic activities in the National Park of Abruzzo, Lazio and Molise – University of Padua 2012-2013).

The Abruzzo Park has more than 1 million visitors a year against 1.6 million tourists in the Canton in 2016, for example. Why is such a coexistence possible in Abruzzo, even with obvious but surmountable problems?

With such data, it is ever possible to continue shouting, as in the 19th century: to the wolf, to the wolf?” Is it ever possible that, as in the 19th century, an association like that for a territory without large predators, present throughout Switzerland, repeats slogans that date back 100 years ago?
In 1911 a famous Italian naturalist, Alessandro Ghigi, wrote in the Corriere della Domenica: “If the Government does not provide in time, given the well-known habits of the wolf, it should not be surprising if in a few years, during exceptional snowfalls, he to speak fearfully of hungry wolves, gathered in droves in southern Italy”.
In the following decades, the wolf was actually almost exterminated. Well other than “hungry wolves”.

Fighting for them: the creatures without voice

August 26th, 2020      Corriere del Ticino

 

The global extinction of many species of flora and fauna, or a reduction / loss of the same in a specific natural environment, can be a temporary or permanent phenomenon depending on the situation. In the case of deforestation, the disappearance of the habitat of many species, without the possibility of restoration, generates an irreversible loss of biodiversity.
Small changes within a balanced ecosystem can have a dramatic influence on the food chain that would lead to a reduction in biodiversity. This, in turn, leads to reduced ecosystem services and ultimately poses an immediate danger to food security, even to humanity itself.
Currently, the global loss of biodiversity is estimated to be between 100 and 1000 times greater than it naturally occurs, and worse, a further increase due to anthropogenic pressure is expected. About 70% of the loss is caused by agriculture alone. 1/3 of the cultivable area of ​​our planet is used for crops and for grazing livestock, therefore largely destined for the breeding of “slaughter meat”.
The relative deforestation to increase forage production, monocultures and urbanization are man-made, and not always for vital reasons.
Added to this is the greenhouse effect mainly caused by agriculture which in addition to destroying biodiversity by converting natural habitats into “intensive cultivation systems”, uses highly polluting agents such as pesticides or fertilizers that contaminate the air and soil.
And so far, I think most readers are aware that the danger is imminent, despite the / negativists, / who still claim that all is well, continuing to follow a disrespectful lifestyle towards the problem that is collective.
We are in a democratic country, where freedom of thought (and writing) is given to each of us.
My obstinacy in trying to get a specific message across obviously creates resentment and grudges. We are not all tuned to the same wave, and there are many “vibrations”, however I can only invoke common sense and the fundamental awareness that each of us should do. Each of us can change our “ecological footprint” by reducing or eliminating, for example, the consumption of animal products, or by preferring the use of public or non-polluting transport. For many it is easy, for others more difficult but not impossible.
In this context, we must also in Switzerland safeguard the different ecosystems and biodiversity, allowing all the species that populate our plains, mountains and plateaus, to coexist as Nature itself foresees, giving each other their own space.
Given the above, we cannot accept an amendment to the Hunting Law which will provide the Federal Government with “carte blanche” or the ability to modify the list of protected animals at will (for example, lynx and beaver, given the favorable votes of the commissions) and without more faculty to intervene by means of popular votes.
Unfortunately, the trade associations are making a big anti-wolf propaganda, bringing up every possible absurdity and trying to convince the people to carry out a wicked act by approving the amendment of the law. It should be emphasized that the current content of the law already provides for the elimination of problematic wolf specimens.
Considering that the attempt to restore the atavistic fears towards the Bad Wolf did not work, some people have begun to take it out on the protection dogs of the herds but failing to provide true information and trying to pass a single message: let’s kill all the great predators that are dangerous.

I am of the opinion that it is important to provide correct information, not to provide misleading information with an attempt to confuse the reader. Shouldn’t moral righteousness be above one’s interests?

Like many other citizens, I defend our ecosystem, Nature with flora and fauna, as we wish to bequeath to the next generations a livable world, where everything has its living space… already very limited due to the presence of Man.

…oOo…

 

Lottando per loro: le creature senza voce

L’estinzione a livello globale di molte specie di flora e fauna, oppure una riduzione/perdita delle stesse in un preciso ambiente naturale, può essere un fenomeno temporaneo o permanente a differenza della situazione. Nel caso di deforestazione, la scomparsa dell’habitat di molte specie, senza una possibilità di ripristino, genera una perdita irreversibile della biodiversità.
Piccoli cambiamenti all’interno di un ecosistema equilibrato, possono avere un’influenza drammatica sulla catena alimentare che porterebbe ad una riduzione della biodiversità. Questo, a sua volta, conduce a servizi ecosistemici ridotti e alla fine rappresenta un pericolo immediato per la sicurezza alimentare, anche per l’Umanità stessa.
Attualmente, la perdita globale della biodiversità è stimata tra le 100 e 1000 volte superiore di quanto non occorra in modo naturale, e peggio, è previsto un ulteriore aumento causato dalla pressione antropica. Circa il 70% della perdita è causato dalla sola agricoltura. 1/3 della superficie coltivabile del nostro pianeta è utilizzato per le colture e per il pascolo di bestiame, quindi in gran parte destinato all’allevamento di “carne da macello”.
La relativa deforestazione per accrescere la produzione di foraggio, le monoculture e l’urbanizzazione sono originate dall’uomo, e non sempre per ragioni vitali.
Si aggiunge l’effetto serra principalmente causato dall’agricoltura la quale oltre a distruggere la biodiversità convertendo gli habitat naturali in “sistemi di coltivazione intensiva”, utilizza agenti fortemente inquinanti quali pesticidi o fertilizzanti che contaminano l’aria ed il suolo.
E fin qui, penso che la maggior parte dei lettori sia consapevole che il pericolo è imminente, malgrado i /negativisti,/ che ancora affermano che tutto va bene, continuando a seguire uno stile di vita irriguardoso nei confronti della problematica che è collettiva.
Siamo in un paese democratico, dove la libertà di pensiero (e di scrittura) è data ad ognuno di noi.
La mia ostinazione nel cercare di far passare un messaggio specifico, evidentemente, crea astio e rancori. Non tutti siamo sintonizzati sulla stessa onda, e di “vibrazioni” ve ne sono tante, comunque posso unicamente invocare il buonsenso e la fondamentale presa di coscienza che ognuno di noi dovrebbe fare. Ognuno di noi può cambiare la propria “impronta ecologica” riducendo o azzerando ad esempio il consumo di prodotti animali, o prediligendo l’utilizzo di trasporti pubblici o non inquinanti. Per molti è facile, per altri più difficile ma non impossibile.
In questo contesto, dobbiamo anche in Svizzera salvaguardare i diversi ecosistemi e la biodiversità, permettendo a tutte le specie che popolano le nostre pianure, montagne e altipiani, di coesistere come la stessa Natura prevede, fornendo gli uni agli altri il proprio spazio.
Visto quanto sopra, non possiamo accettare una modifica della Legge sulla Caccia che fornirà al Governo federale “carta bianca” ovvero la possibilità di modificare la lista degli animali protetti a piacimento (ad esempio lince e castoro, visto i voti favorevoli delle commissioni) e senza più facoltà di intervento per mezzo di votazioni popolari.
Purtroppo le associazioni di categoria stanno facendo una grossa propaganda anti-lupo, tirando in ballo ogni assurdità possibile e cercando di convincere il popolo a compiere un atto scellerato approvando la modifica della legge. Va sottolineato che l’attuale contenuto della Legge già prevede l’eliminazione di esemplari di lupo problematici.
Considerando che il tentativo di ripristinare le ataviche paure nei confronti del Lupo Cattivo non sono funzionate, alcune persone hanno iniziato a prendersela con i cani da protezione delle greggi omettendo però di fornire informazioni vere e cercando di far passare un messaggio univoco: ammazziamo tutti i grandi predatori che sono pericolosi.

Sono dell’avviso che è importante un’informazione corretta, non fornire notizie fuorvianti con il tentativo di confondere chi legge. La rettitudine morale non dovrebbe essere al di sopra dei propri interessi?

Come molti altri cittadini, difendo il nostro ecosistema, la Natura con flora e fauna, poiché desideriamo lasciare in eredità alle prossime generazioni un mondo vivibile, dove ogni cosa ha il suo spazio vitale… già molto ridotto a causa della presenza dell’Uomo.

NO all’inaccettabile legge sulla caccia

LC

NO all’inaccettabile legge sulla caccia!

Il 27 settembre 2019 il Parlamento ha definitivamente approvato la revisione della legge sulla caccia. Appare evidente che la revisione non soddisfa nessuno senza riserve. Un dibattito fiume e i voti negativi giunti da tutti i partiti ne sono un chiaro segnale. Nell’ottobre 2019 contro la legge è stato promosso con successo un referendum. La votazione, inizialmente prevista per il 17 maggio, è stata spostata al 27 settembre 2020.

Un lavoro legislativo mal riuscito

Dopo il lavoro malfatto del Parlamento, una revisione parziale, inizialmente moderata, ora mette in pericolo la protezione delle specie nel suo complesso e ha portato a un risultato squilibrato. La natura, i mammiferi e gli uccelli protetti nonché la protezione degli animali in generale finiscono ancora più sotto pressione. La revisione della legge federale sulla caccia e la protezione (LCP) va molto oltre l’obiettivo iniziale di una regolazione pragmatica e ragionevole delle popolazioni di lupo.

 

Punti particolarmente critici dell’inaccettabile legge sulla caccia:

  1. In futuro si potrebbero abbattere animali protetti, ma malvisti e invisi, ancor prima che abbiano arrecato un qualsiasi danno. Basterebbe la loro presenza per poterli decimare. Nel gergo tecnico si parla di «regolazione».
  2. Se finora era la Confederazione a dover autorizzare l’abbattimento di animali protetti dalle leggi federali, in futuro sarebbero i Cantoni a decidere su questi abbattimenti. Gli animali selvaggi, tuttavia, non conoscono confini cantonali.
  3. Il Consiglio federale potrebbe allungare la lista delle specie protette che possono essere abbattute (attualmente stambecco e lupo). Questo senza una votazione in Parlamento o una consultazione popolare. Il dibattito parlamentare sulla legge sulla caccia ha mostrato quante altre specie animali protette sarebbero nel mirino: Potrebbero finire davanti alle doppiette il castoro, la lince, la lontra, l’airone cenerino e lo smergo maggiore.

Specie animali protette – non più veramente protette

Affinché una specie animale possa essere cacciata in Svizzera, deve essere elencata nella legge sulla caccia come specie cacciabile. È sorprendente che la lista contenga già oggi specie che sono minacciate nel nostro paese. La beccaccia, la lepre europea e il fagiano di monte sono cacciabili.

Sempre ancora ogni anno in Svizzera sono abbattute circa 1600 lepri e circa 2000 beccacce. Con la revisione della legge sulla caccia e la protezione il Parlamento avrebbe dovuto proteggere meglio le specie minacciate. Invece ha indebolito la protezione delle specie. Perciò: «No» alla nuova legge sulla caccia!

Biodiversità da proteggere

5.8.2020_La_Regione

 

BIODIVERSITA’ DA PROTEGGERE (AD OGNI COSTO)

La biodiversità è il pilastro che consente agli ecosistemi di funzionare e a noi esseri umani di prosperare. Senza biodiversità in un ecosistema, non avremmo le molte piante e diverse specie di animali che troviamo sul nostro pianeta. Esse interagiscono con la finalità di mantenere l’equilibrio nell’ecosistema, creando sistemi funzionanti che ci forniscono cibo, medicine e nuove tecnologie.
Sfortunatamente, a causa della pressione antropica in tutto il mondo, abbiamo distrutto e continuiamo a distruggere molti ecosistemi riducendone la biodiversità. È un dato di fatto comprovato e visibile in molti luoghi, con testimoni la riduzione della resa agricola nei paesi in via di sviluppo e il crescente tasso di estinzione degli animali.
Un governo ha il potere di controllare ciò avviene agli habitat, e il dovere d’intervenire quando lo sfruttamento del territorio mette a rischio l’ecosistema e la biodiversità. Vi sono esempi molto interessanti in varie nazioni, dove un ecosistema è stato riportato allo stato naturale in seguito alla reintroduzione di un’unica specie animale: il lupo. Mi riferisco al Yellowstone National Park negli USA, dove grazie a quest’azione l’ecosistema ha potuto ritrovare la sua originale bellezza.
Ogni specie, ad eccezione dell’homo sapiens sapiens, ha il suo specifico posto in ogni ecosistema, ma se interveniamo annientando o sterminando degli esemplari, la biodiversità viene rovinata in modo irrimediabile. La mancata informazione, o le informazioni non veritiere fornite da gruppi di parte possono inoltre creare animosità e paure recondite.
Cosa accadrà visto che lo stesso governo svizzero, a causa di pressioni subite da certe Lobby, ha promosso una modifica di legge che mira all’annientamento di alcune specie di animali?
Il prossimo 27 settembre la modifica della Legge sulla caccia sarà in votazione federale: ai cittadini è dato modo di opporsi all’inutile sterminio di specie (tra le quali anche il cigno, l’airone, lo smergo, la lince, il castoro…) che infliggerebbero un duro colpo alla biodiversità e agli ecosistemi.
Saggio, pensando alle generazioni future, votare di NO e respingere quest’assurda proposta.

WhatsApp Image 2020-07-31 at 09.24.34

WhatsApp Image 2020-07-31 at 09.24.34(1)

…oOo…

BIODIVERSITY TO PROTECT (AT EVERY COST)

Biodiversity is the pillar that allows ecosystems to function and us humans to thrive. Without biodiversity in an ecosystem, we would not have the many plants and different species of animals that we find on our planet. They interact with the aim of maintaining balance in the ecosystem, creating functioning systems that provide us with food, medicine and new technologies.
Unfortunately, due to human pressure worldwide, we have destroyed and continue to destroy many ecosystems by reducing their biodiversity. This is a proven fact and visible in many places, with witnesses to the reduction of agricultural yield in developing countries and the growing extinction rate of animals.
A government has the power to control this happens to habitats, and the duty to intervene when the exploitation of the territory puts the ecosystem and biodiversity at risk. There are very interesting examples in various countries, where an ecosystem has been restored to its natural state following the reintroduction of a single animal species: the wolf. I am referring to Yellowstone National Park in the USA, where thanks to this action the ecosystem has been able to regain its original beauty.
Each species, with the exception of homo sapiens sapiens, has its specific place in each ecosystem, but if we intervene by annihilating or exterminating specimens, biodiversity is irreparably ruined. The lack of information, or the untruthful information provided by party groups, can also create hidden animosities and fears.
What will happen given that the Swiss government itself, due to pressure from certain Lobbies, has promoted a change in the law aimed at the annihilation of some species of animals?
On 27 September the amendment of the Hunting Law will be in a federal vote: citizens are given the opportunity to oppose the useless extermination of species (including the swan, the heron, the merganser, the lynx, the beaver…) that would deal a severe blow to biodiversity and ecosystems.
Wise, thinking of future generations, vote NO and reject this absurd proposal.

Bracconieri: 57mila euro di multa per l’uccisione di un lupo

lupo iberico con cucciolo

In Spagna è stata inflitta una multa di 57.000 € a dei bracconieri condannati per caccia illegale ad un lupo iberico, una sottospecie del Lupo Grigio (canis lupus lupus).

Arriva la prima condanna per la caccia illegale di lupo iberico in Spagna: 57mila euro di multa per i bracconieri che lo hanno ucciso. Inoltre uno dei due cacciatori dovrà scontare sei mesi di carcere e per entrambi ogni attività venatoria è proibita per la durata di tre anni.

In Spagna, questa sentenza storica (la prima in assoluto), sicuramente rappresenta un importante caso di giurisprudenza che fungerà da esempio ad altri Stati Europei. Purtroppo in molte nazioni (anche confinanti con la Svizzera) il lupo è oggetto di malanimi e persecuzioni ingiustificate.

Il prossimo 27 settembre 2020 in Svizzera ci sarà la votazione sulla revisione della legge sulla caccia.

.

Qui vedi articolo esplicativo e presa di posizione del presidente WWF della Svizzera italiana.

.

Il lupo iberico è a rischio d'estinzione

Seppur all’apparenza sono diversi, cani e lupi hanno nei loro geni molti atteggiamenti comuni.

.

…oOo…

.

In Spain, a fine of € 57,000 was imposed on poachers convicted of illegal hunting of an Iberian wolf, a subspecies of the Gray Wolf (canis lupus lupus).

The first sentence for the illegal hunting (poaching) of an Iberian wolf in Spain amount to 57 thousand euros for the poachers who killed him. In addition, one of the two hunters will have to serve six months in prison and for both of them, hunting is prohibited for three years.

In Spain, this historical sentence (the first ever) certainly represents an important case of jurisprudence which will serve as an example to the other European States. Unfortunately, in many countries (even bordering on Switzerland) the wolf is subject to ill-will and unjustified persecution.

The vote on the revision of the hunting law will take place on 27 September 2020 in Switzerland.

.

Here you see an explanatory article and a position taken by the WWF president of Italian-speaking Switzerland (Italian language).

Un lupo di nome Romeo…

Questa è una storia vera e molto toccante. Immagini significative che raccontano l’amicizia di un lupo con animali e persone della cittadina di Juneau in Alaska. Ma come ogni storia “speciale”, purtroppo, il dolore ne è parte…

This is a true and very touching story. Significant images that tell of the friendship of a wolf with animals and people from the town of Juneau in Alaska. But like any “special” story, unfortunately, the pain is part of it…

Sulle tracce dei lupi in Val Morobbia * On the trail of the wolves in Val Morobbia

Dalla stazione di Giubiasco abbiamo fatto car-sharing per raggiungere l’Alpe Giumello sopra Carena. Attraversando una zona che è ricoperta da una densa vegetazione, siamo incappati nell’ultimo pezzo di strada pieno di buche e dossi che ha richiesto una guida molto prudente. Arrivati all’alpe Giumello, abbiamo ricevuto le prime informazioni dal Dr. Stefan Suter, docente e ricercatore della Forschungsgruppe Wildtiermanagement (WILMA) della Zürcher Hochschule für Angewandte Wissenschaften (ZHAW) e presso l’Institut für Umwelt und Natürliche Ressourcen (IUNR). In seguito, è iniziata la salita con un dislivello di +500 m s/m. Siamo passati attraverso zone boschive per poi giungere a 1700 m s/m in zona sassosa e ricoperta di rade sterpaglie. Gli ultimi 300 metri sono stati, almeno per me che non sono abituata, una bella sfida.

Sul Passo del S. Jorio, dove c’è lo spartiacque con l’Italia, ci siamo fermati per pranzare al sacco e per ascoltare Stefan  che ci ha fornito le informazioni in merito all’attività che la WILMA e IUNR svolgono in quella regione. La tecnica dello “wolf-howling” sfrutta la tendenza dei lupi ad utilizzare l’ululato come forma di comunicazione a lunga distanza. Stefan ci ha fatto ascoltare diverse registrazioni spiegando in seguito come questi dati vengono analizzati dagli esperti biologi. Prima dell’utilizzo di tecnologia più avvanzata, l’uomo imitava l’ululato di un canide, stimolando una risposta da parte dei lupi eventualmente presenti nell’aria di studio. Attualmente si procede con la registrazione per mezzo di un sistema digitale che rimane attivato per 12 ore consecutive (la notte); si spera che in un prossimo futuro la modalità possa essere calibrata al momento esatto nel quale avviene l’ululato dell’animale e quindi permettere in un secondo tempo un’analisi più rapida da parte degli esperti biologi.

Da queste registrazioni può quindi essere accertata la presenza della specie, e distintamente rilevare la riproduzione nel branco per mezzo dell’ululato dei cuccioli. Per mezzo di questi rilevamenti può essere inoltre monitorata d’area di presenza di “canis lupus” e procedere con analisi più precise inerenti la definizione dei confini del branco ed estensione dell’area da monitorare. L’idoneità ambientale richiede una verifica più estesa sulla contemplazione della tipologia di vegetazione medio-alta (zone di rifugio), delle aree lontane da fonti di disturbo antropico (presenza dell’uomo) e ulteriori fattori esogeni. Queste analisi dettagliate sono effettuate dai biologi in loco.

Val Morobbia

Lungo il nostro percorso verso il Passo del S. Jorio, abbiamo avuto modo di analizzare diverse tipologie di impronte lasciate sul terreno morbido. La presenza di diversi ungulati, conferma la possibilità di prede per il lupo. La zona è discosta dal centro abitato (poca presenza antropica). Lo studi tecnico della “tracciatura” permette inoltre di localizzare e seguire le tracce lasciate da lupi (solitari o branco) che si sposta per la caccia.

Durante la discesa verso l’Alpe Giumello, sono stati raccolti degli escrementi (per campionatura, analisi genetica e verifica dello stato nutrizionale dell’animale) i quali forniranno agli studiosi ulteriori informazioni sulla presenza del predatore. Le informazioni sul branco, quali la sua dimensione, il sesso degli individui, la loro dieta e stato nutrizionale, il tasso di predazione e comportamento di “marcatura” (urina, feci, graffi sui tronchi ecc.) permettono di catalogare informazioni specifiche sulla loro presenza. Di conseguenza, gli studiosi dispongono di dati concreti per informare gli allevatori in merito alla necessità di adottare le apposite contromisure per la protezione delle greggi eventualmente presenti nella zona. Durante l’inverno, le analisi possono anche essere effettuate con il prelievo dell’urina lasciata sulla neve.

Stefan ha prelevato il campione freschissimo  di feci, risalente forse al mattino o notte precedente, che saranno inviate al laboratorio per l’esame del DNA (mitocondriale e nucleare) per stabilire il genotipo individuale (sesso e relazioni di parentela) e la sua appartenenza ad uno specifico branco.

Personalmente, ho trovato quest’esperienza affascinante! Ritengo che ogni persona debba essere meglio informata in merito alla presenza dei “grandi predatori” affinché non siano stupidamente temuti, ma bensì protetti in quanto parte indispensabile per un ecosistema bilanciato e florido.

Desidero quindi portare un modesto contributo al lettore, demitizzando le scempiggini e idiozzie raccontate sul lupo. Il mio è unicamente un invito ad approfondire la conoscenza del “Canis Lupus” animale timido e schivo, che assolutamente non è una minaccia per l’uomo. Imparare a conoscere le sue abitudini di caccia e quant’altro, per addottare le misure consigliate (a livello cantonale e federale in Svizzera) per evitare che vi siano predazioni nelle greggi, questo è il consiglio per gli allevatori di bestiame sul nostro territorio.

Non vedo l’ora di poter avere una nuova occasione di seguire Stefan su questi monti, proprio durante le ore più buie della notte, per ascoltare i loro ululati, messaggi in codice che l’Uomo da 40.000 anni non ha ancora totalmente potuto decifrare. Attendo quest’occasione con viva impazienza!

 

From Giubiasco station we did car-sharing to reach Alpe Giumello above Carena. Crossing the area that is covered with dense vegetation, we ran into the last piece of the road full of potholes and bumps that required a very cautious driving. Arriving at the Alpe Giumello, we received the first information from Dr. Stefan Suter, lecturer and researcher at the Forschungsgruppe Wildtiermanagement (WILMA) of the Zürcher Hochschule für Angewandte Wissenschaften (ZHAW) and at the Institut für Umwelt und Natürliche Ressourcen (IUNR). Then the climb began with a difference in altitude of +500 m s/m. We passed through wooded areas and then reached 1700 m s/m in a rocky area covered with sparse scrub. The last 300 meters were, at least for me that I’m not used to, a good challenge.

On the Passo del S. Jorio, where there is the watershed with Italy, we stopped to have lunch and listen to Stefan who gave us the information’s about the activity that WILMA and IUNR are doing in that region. The “wolf-howling” technique exploits the tendency of wolves to use the howl as a form of long-distance communication. Stefan made us listen to several recordings explaining how biologists later analyze these data. Before the use of more advanced technology, man imitated the howling of a canine, stimulating a response from the wolves eventually present in the region of study.

Currently, we proceed with the registration by means of a digital system that remains activated for 12 consecutive hours (at night). It is hoped that in the near future the modality can be calibrated at the exact moment in which the howling of the animal takes place and then allow a more rapid analysis by the biologists at a later time.

From these recordings can, therefore, be ascertained the presence of the species, and distinctly detect the reproduction in the pack by means of the howling of the puppies. By means of these removals, it can also be monitored for the presence of “Canis lupus” and proceed with more precise analyzes concerning the definition of the boundaries of the pack and extension of the area to be monitored. The environmental suitability requires a more extensive verification of the contemplation of the type of medium-high vegetation (refuge areas), of the areas far from sources of anthropic disturbance (presence of man) and further exogenous factors. These detailed analyses are carried out by biologists on site.

On our way to the Passo S. Jorio, we were able to analyze different types of animal footprints left on the soft ground. The presence of different ungulates confirms the possibility of prey for the wolf. The area differs from the inhabited center (little human presence). The “tracing” technical study also allows you to locate and follow the tracks left by wolves (solitary or pack) that move for hunting.

During the descent towards Alpe Giumello, excrements were collected (by sampling, genetic analysis, and verification of the nutritional status of the animal) which will provide scholars with further information on the presence of the predator. Information on the pack, such as its size, the sex of individuals, their diet and nutritional status, the predation rate and “marking” behavior (urine, feces, scratches on the trunks, etc.) make it possible to catalog specific information on their presence. Consequently, scholars have concrete data to inform farmers about the need to adopt the appropriate countermeasures for the protection of flocks possibly present in the area. During the winter, the analyzes can also be carried out with the urine sampling left on the snow.

Stefan took a fresh sample of feces, perhaps dating back to the morning or the previous night, which will be sent to the laboratory for DNA testing (mitochondrial and nuclear) to establish the individual genotype (sex and kinship relationships) and its belonging to a specific pack. Personally, I found this experience fascinating! I believe that every person should be better informed about the presence of “great predators” so that they are not stupidly feared, but rather protected as an indispensable part of a balanced and flourishing ecosystem.

I, therefore, wish to make a modest contribution to the reader, demystifying the crap and idiocies told about the wolf. Mine is only an invitation to deepen the knowledge of the “Canis Lupus” shy and reserved animal, which is absolutely not a threat to man. Learn to know its hunting habits and so on, to adopt the recommended measures (at the cantonal and federal level in Switzerland) to avoid that there are predations in the herds, this is the advice for livestock breeders on our territory.

I look forward to having a new opportunity to follow Stefan on these mountains, just during the darkest hours of the night, to listen to their howls, coded messages that the Man for 40,000 years has not yet been able to completely decipher. I await this occasion with great impatience!

(Re) azioni… da parte dei lettori

All’inizio del corrente mese ho inviato alla stampa locale, una considerazione inerente l’attuale situazione del Lupo nel nostro cantone.
Il Corriere del Ticino e la Regione hanno pubblicato l’articolo dal titolo “Il lupo, l’ignoranza e le fake news”.

Il lupo, l'ignoranza e le false notizie, correire 6.12.2018
Certo potevo ben immaginare che avrebbe causato qualche fastidio e reazione, specialmente a chi vede come unica soluzione la canna di un fucile.
Ma ho anche constatato che ci sono dei lettori sensibili e intelligenti, che mi hanno raggiunta per mezzo di questo blog lasciando il seguente commento:

Website:
Comment: Buongiorno! Mi scuso per contattarla in questo modo elettronico, impersonale, ma non sono riuscito a trovare il suo telefono. Volevo ringraziarla e complimentarmi per la sua “Lettera al Corriere del Ticino” di oggi in risposta all'”opinione” sul Corriere del Ticino del 01.12.2018 in merito ai lupi, scritto da un personaggio inqualificabile. Il contenuto mi ha urtato, come già altri scritti in precedenza dal citato opinionista medico. Farò il possibile per scrivere pure io un commento a ringraziamento al suo intervento. Non solo “una nazione si qualifica da come tratta gli animali”, ma ogni persona. Ma forse chi scriveva tale articolo è tutto fuorchè una “persona”. Purtroppo tali opinioni, per false che siano, hanno spesso grande risonanza presso il pubblico non preparato, soprattutto se provengono dalla penna di un medico o di un professore.

Con ammirazione per quello che fa e molto cordiali saluti

Gabriele Picard, Neggio.

Ma ho anche ricevuto una bella letterina con tanto di disegni, firmata da una gentile signora ultra ottantenne…
come pure un’altro bigliettino, di tutt’altro contenuto, e naturalmente anonimo (orso bruno).
Chissà perché c’è sempre quest’atavica tendenza a tirar sassi e poi nascondere il braccio. Giustamente nel mio articolo parlavo di “ignoranza”… ecco l’ennesima prova.

Articolo_stampa

 

Protection dogs for flocks * cani da protezione per le greggi

Stern 5

 

The presence of large predators (in this case I refer especially to the wolf) always have a disproportionate impact on public opinion, and this is caused by the loss of habit to live with them.
More than a century ago, in our territory wolves were present in the valleys and pre-Alpine areas and cohabitated with man. Studies have shown that the presence of large predators is necessary, the wolf has a “regulatory” effect to maintain a healthy ecosystem and protect biodiversity.

At the beginning of 1800 wolves and bears were exterminated in Switzerland… now they have returned and this has triggered “fantastic-collective” fixations linked to atavistic legends. Obviously, political pressures contrary to the presence of wolves in the Ticinese territory are high.
But it is possible to avoid to the least the attacks to the flocks, if one proceeds to “protect” the sheep through fences, with the presence of a shepherd (in the alpine pastures) and in general with the use of the protection dogs. (To already included these issues in my other see here, and here).
Last Sunday afternoon on the occasion of the “Festival della Natura vivere la biodiversità”, with WWF we visited Alberto Stern of Lostallo.
Alberto and his wife Elena are veterinarians, and as an accessory activity they manage their farm Creusc. They are dedicated to sheep breeding, breeding of Border Collie dogs and breeding of Mountain dogs of the Pyrenees. The latter are dogs for the protection of livestock while the Border Collies are sheepdogs used to lead the flock.

The Stern spouses began breeding Pyrenean Mountain dogs in 2003, in a national program for the protection of flocks; for more detailed information on the various awards received from dogs raised by Mr. Stern, see website.

 

Più di un secolo or sono, nel nostro territorio i lupi erano presenti nelle valli e zone prealpine e coabitavano con l’uomo. Gli studi hanno comprovato che la presenza dei grandi predatori è necessaria, il lupo ha un effetto “regolatore” onde mantenere un ecosistema sano e tutelare la biodiversità.

All’inizio del 1800 lupi ed orsi sono stati sterminati in Svizzera… ora sono ritornati e ciò ha scatenato fissazioni “fantastico-collettive” legate a leggende ataviche. Ovviamente, le pressioni politiche contrarie alla presenza dei lupi sul territorio Ticinese, è elevata.

Ma è possibile evitare al minimo gli attacchi alle greggi, se si procede a “proteggere” gli ovini per mezzo di recinzioni, con la presenza di un pastore (nei pascoli alpini) e in generale con l’utilizzo dei cani da protezione. (To già inserito queste tematiche in altri miei post post).

La scorsa domenica pomeriggio in occasione del “Festival della Natura vivere la biodiversità”, con il WWF abbiamo fatto visita ad Alberto Stern di Lostallo.

Alberto e la moglie Elena sono veterinari, e quale attività accessoria gestiscono la loro azienda agricola Creusc. Si dedicano all’allevamento ovino, all’allevamento di cani di razza Border Collie e all’allevamento di cani di razza Montagna dei Pirenei. Quest’ultimi sono cani da protezione del bestiame mentre i Border Collies sono cani da pastore impiegati per la conduzione del gregge.

I coniugi Stern hanno iniziato l’allevamento dei cani di razza Montagna dei Pirenei nel 2003, in seno ad un programma nazionale per la protezione delle greggi. Per ulteriori informazioni più dettagliate in merito ai vari premi ricevuti dai cani allevati dal signor Stern, vedi sito.

Gestione delle greggi con successo nel Grigioni, Swizzera

Vedi testo originale e foto al seguente link:    Wilderness Society.org

 

cane-da-montagna-dei-pirenei3-500x319
copyright tuttogreen.it

 

La Società Europea Wilderness ha partecipato ad un seminario organizzato da AGRIDEA a Flims nel Canton Grigioni. Questo villaggio di montagna sorge in prossimità della città di Coira e ancora più vicino al ben noto branco di lupi del Calanda. Questa presenza di lupi ha avviato diversi approcci innovativi per proteggere le greggi degli allevatori locali. I partecipanti (cacciatori, pastori, dipendenti dell’amministrazione e delle ONG) provenivano dalla Provincia italiana del Trentino – Alto Adige, dalla Provincia di Salisburgo, dal Tirolo e dalla Baviera.

La chiave per qualsiasi progetto di gestione delle greggi è la disponibilità di cani di protezione adeguatamente formati. Alberto, un veterinario si é dedicato all’allevamento ed addestramento di Patou, al fine di proteggere il bestiame in una regione turistica. I Patou, originari dei Pirenei, erano ottimi per la protezione della pastorizia, ma i primi test hanno mostrato che essi erano poco pratici in un ambiente turistico. Egli è riuscito a modificare i tradizionali metodi di formazione di questi cani affinché siano più amichevoli coi turisti.

Christian, un pastore locale, ha chiesto aiuto ad Alberto per proteggere il suo grande gregge costituito da 300 pecore di 8 diverse razze provenienti da 19 diversi allevamenti. Alberto ha fornito i cani gratuitamente. Inoltre, Christian sta utilizzando i sistemi di recinzione a maglia elettrica con standard svizzero di 90 cm altezza.

Astrid e Sandra sono le due donne addette alla pastorizia delle pecore in estate tra i 1500 e 2300 metri d’altitudine. La loro sfida principale, ogni primavera, è quella di assemblare le pecore dai diversi allevatori e farle andare d’accordo tra di loro. Questo raramente dura più di 4 settimane dopo di che, possono portare le pecore al pascolo senza troppi problemi. A quel punto, le pecore si sono anche abituate ai cani di razza Border Collie per la protezione del gregge, tipicamente utilizzati in Svizzera.

Gli allevatori hanno anche definito empiricamente la soglia più bassa del numero di cani da guardia necessari per proteggere una mandria indipendentemente dalla recinzione elettrica. Se il numero scende al di sotto di 6 cani per 400 pecore, i lupi tenteranno la fortuna.

Gli allevatori locali inoltre ci hanno mostrato le recinzioni a prova di lupo, disposte nelle zone dove non ci sono Patou in uso. Queste recinzioni sono alte 1,30 metri e dispongono di 5 fili elettrici lungo il perimetro. Essi sono utilizzati principalmente per le mucche con vitelli.

Con l’allevamento di bestiame bovino, valgono le stesse regole applicate agli ovini. In questo caso, i cani da guardia trascorrono l’inverno con le mucche di un allevatore e poi, in primavera, si incontrano con le mucche degli altri allevatori sull’alpe. Le altre mucche si adattano facilmente alla presenza di questi grandi cani e li accettano come i loro cani da guardia.

Un’ulteriore considerazione portata dai contadini e da AGRIDEA, era l’incapacità del bestiame e degli animali selvatici di vedere /distinguere correttamente le recinzioni arancioni. Andreas Schiesser ha spiegato come abbia analizzato i risultati lungo le strade carrabili per ridurre al minimo l’uccisione di cervi. I migliori risultati si ottengono con riflettori blu, perciò egli ha raccomandato agli allevatori di cambiare il colore da arancione e verde al blu.

Le conclusioni di questo workshop sono semplici: se allevatori e agricoltori sono pronti a proteggere le loro greggi per ridurre al minimo le eventuali perdite, sono a disposizione alcuni esempi di “best practice” per aiutarli. Le recinzioni associate ai cani da protezione delle mandrie riducono al minimo qualsiasi conflitto.