Several videos to introduce you to the wolf, the ancestor of our faithful dog friends…

I lupi grigi messicani sono in via d’estinzione, essi stanno affrontando una crisi genetica: gli individui sono imparentati tra loro come completi fratelli. Questa tecnica di recupero incrociato offre l’opportunità di aumentare la genetica della popolazione, con la speranza che alla fine diffondano i loro geni alla popolazione più ampia.

Vi consiglio di guardare i diversi video, molto corti, che vi mostreranno quanto questi animali sono simili ai nostri comuni cani!

Possibile che vi siano persone che li vogliono sterminare?

The Mexican gray wolves are on the verge of extinction, they are facing a genetic crisis: individuals are related to each other as complete brothers. This cross-retrieval technique offers the opportunity to increase population genetics, with the hope that they will eventually spread their genes to the wider population.

I recommend you to watch the different very short videos, which will show you how similar these animals are to our common dogs!

Is it possible that there are people who want to exterminate them?

Lupo: il Tirolo impara dall’Abruzzo

Sono tornati dall’Austria in Abruzzo gli allevatori che avevano già visitato il Parco Nazionale della Maiella nell’ambito del progetto europeo LIFE LifeStockProtect, coordinato dalla European Wilderness Society e supportato da numerose associazioni di categoria altoatesine e austriache. Gli allevatori in trasferta dal Tirolo, dopo aver analizzato il fenomeno delle predazioni e valutato i migliori sistemi […]

Lupo: il Tirolo impara dall’Abruzzo — Animali alla riscossa

Al lupo al lupo, al fucile!

Articolo di Massimo Mobliglia presidente WWF CH italiana 4.5.2022 La Regione

English text below

Fa sempre dispiacere appredere della morte di ovini nel nostro territorio, con tre casi diversi nell’ultimo mese ed è anche comprensibile la manifestazione arrivata in piazza Governo. Le rivendicazioni da parte degli allevatori dovrebbero però essere focalizzate non tanto sull’uso del fucile come mezzo preventivo ma sullo stanziamento di mezzi per attuare concretamente la protezione greggi, nonché sul marketing. Siamo tutti concordi che i prodotti provenienti dalla filiera casearia ovina ticinese siano apprezzati e che la popolazione ticinese possa aiutare concretamente questo settore acquistando maggiormente i loro prodotti, che sono più sostenibili e praticamente a chilometro zero.

Tutte le parti, inclusi i contadini svizzeri, hanno riconosciuto che la presenza del lupo è un indicatore di buona salute della biodiversità, sia dal punto di vista della fauna, ad esempio per l’abbondanza, la salute e la distribuzione deli ungulati, sia per la fauna, ad esempio la salute migliore dei boschi in particolare per la ricrescita della foresta che ha un ruolo essenziale di protezione delle zone edificate di montagna.

I tre recenti casi, come anche dichiarato dall’UCP, hanno mostrato due fatti essenziali: il primo che la protezione greggi deve essere fatta bene e non serve a nulla allestire recinzioni se poi non si elettrificano e non sono complete, mentre il secondo è che gli individui che hanno commesso i fatti erano provenienti da incursioni verosimilmente dall’Italia, fatto che evidenzia quanto una strategia basata sul fucile non faccia altro che spostare di qualche mese i problemi, poiché morto un lupo ne arriva un altro. Vi è da dire che il Cantone Ticino ha fatto un gesto nobile rimborsando tutti gli allevatori anche nei casi in cui non vi erano misure di protezione greggi.

E’ perciò ora particolarmente urgente ed importante che siano stanziati mezzi a sufficienza per poter afrontare la nuova stagione per avere una migliore protezione delle greggi, ma deve altresì essere ricordato che i primi esemplari di lupo sono arrivati in Svizzera, in modo del tutto, naturale, circa vent’anni fa. Purtroppo, questo semplice fatto non è stato affrontato seriamente se ci troviamo oggigiorno con la maggior parte delle greggi svizzere non protett. La popolazione ovina che d’estate sale sugli alpeggi è di ca. 200.000 capi e solo 30.000 risultano protette (vedi sito www.protezionegreggi.ch

Per questi motivi le richieste degli allevatori e dei loro rappresentanti devono essere focalizzate sul finanziamento di tutta una serie di misure di protezione greggi che possano attenuare la pericolosità del lupo ma senza attuare abbattimenti.

Meglio la politica della prevenzione con protezione greggi e della promozione dei prodotti, piuttosto che la politica del fucile!

Article by Massimo Mobliglia president of WWF Italian CH 4.5.2022 La Regione

It is always sad to hear of the death of sheep in our area, with three different cases in the last month and it is also understandable that the demonstration arrived in Piazza of the Government. However, the claims by the breeders should be focused not so much on the use of the rifle as a preventive means but on the allocation of means to concretely implement the protection of flocks, as well as on marketing. We all agree that the products from the Ticino sheep dairy industry are appreciated and that the Ticino population can concretely help this sector by purchasing more of their products, which are more sustainable and practically zero-kilometer.

All parties, including Swiss farmers, have recognized that the presence of the wolf is an indicator of good health of biodiversity, both from the point of view of fauna, for example for the abundance, health and distribution of ungulates, and for example the better health of the woods in particular for the re-growth of the forest which has an essential role in protecting the built-up areas in the mountains.

The three recent cases, as also declared by the UCP, have shown two essential facts: the first that the protection of flocks must be done well and it is useless to set up fences if they are not then electrified and are not complete, while the second is that the individuals who committed the facts probably came from raids from Italy, a fact that highlights how a strategy based on the rifle does nothing but move the problems by a few months, since one wolf dies another one. It must be said that the Canton of Ticino made a noble gesture by reimbursing all breeders even in cases where there were no flock protection measures.

It is therefore now particularly urgent and important that sufficient means are allocated to be able to face the new season to have a better protection of the flocks, but it must also be remembered that the first wolf specimens arrived in Switzerland, in a completely natural way, about twenty years ago. Unfortunately, this simple fact has not been seriously addressed if we find ourselves with most of the unprotected Swiss flocks today. The sheep population that climbs the mountain pastures in the summer is approx. 200,000 heads and only 30,000 are protected see website www.protezionegreggi.ch.

For these reasons, the requests of breeders and their representatives must be focused on financing a whole series of flock protection measures that can mitigate the danger of the wolf but without carrying out culling.

Better the policy of prevention with flock protection and product promotion, rather than the policy of the rifle!

Il lupo giova all’intero ecosistema

Of ecosystems and wolves

Wolves play a very important role for the ecosystem in which they live; in fact, other species largely depend on them in a healthy way. By removing the wolf, the entire ecosystem would change dramatically.

Since 1995, the Americans have reintroduced the wolf to the west of the nation where scientific research has shown that its presence has revitalized and restored the habitat, favoring the repopulation of countless other species of birds, fish and ungulates. The presence of wolves influences the population of its prey, improving the morphology of the territory where the different species live and their movement between region and region.

The wolf hunts for food and without anthropogenic pressure, he kills weak or sick animals allowing the strong and healthy ones to perpetuate the species. The carcasses left by wolves are also food for other carnivorous animals that act as “ecological operators”. The presence of man and his farms has consequently altered the natural balance within an ecosystem where all the components are touched.

We should be able to open our 360 ° vision rather than pity us selves and feel threatened by an animal that also fears man, and with very good reasons! The awareness of the presence of the wolf on our territory and therefore the need to strictly apply everything possible to protect the grazing animals, is a decision that demonstrates wisdom.

Coexistence between humans and predators is possible: it is important to apply adequate protection to your livestock, whether you want with the presence of shepherds or dogs, the use of electrified fences, new surveillance technologies or avoid abandonment of animals in a vague pasture. Another example: in the western American states waving red flags are applied to electrified fences.

The consequence of outdoor farming is that livestock often die from many natural causes, such as exposure to atmospheric agents, diseases or the complications of childbirth. Whenever possible, these carcasses should be removed as they become an easy target for predators. Aid measures for farmers must be strengthened by the Federal Administration, this is a fact, but the application of protective measures must be implemented without delay.

Lupo: agricoltura, allevamento e la strumentalizzazione di chi non si vuol adeguare

La protesta attuata dal gruppo di Germano Mattei è stata a dir poco di cattivo gusto, oltre che illegale. Noi del Gruppo Uomo e Biodiversità ci sentiamo in dovere d’intervenire per contrastare questa disinformazione inaccettabile. Innanzitutto, dovremmo per coerenza portare al Palazzo delle Orsoline anche tutte le altre pecore e capre che muoiono per motivi diversi e che rappresentano la gran maggioranza delle morti. Si parla di circa 10 volte il numero di capi predati dai lupi (secondo i dati svizzeri del 2020, riportati nella foto in basso, si parla di 300-500 capi predati contro i 4500 circa di capi morti a causa dell’incuria). Chi non si occupa del proprio gregge causando morti e ferimenti continui, solitamente, è anche colui che subisce danni da predazione, poiché per gli stessi motivi non protegge adeguatamente il proprio bestiame. Non potendo pretendere un risarcimento, ci viene da pensare che queste persone credano di risolvere il problema eliminando (di nuovo) un’intera specie. Ma se avessero ricevuto informazioni scientifiche e corrette, saprebbero che la soluzione dell’abbattimento non dura nel tempo.

È il momento di discernere da chi vorrebbe proteggersi e non può per ragioni concrete, che andrebbe sostenuto e aiutato da Cantoni, Confederazione ed Enti preposti (anche supportando direttamente il lavoro con un incremento di manodopera), da chi NON VUOLE proteggersi anche se la conformazione del suo terreno lo consentirebbe. Non è infatti un po’ strano che sia sempre il proprietario del gregge del Cerentino ad essere colpito dal problema? È ben noto come non vengano adottate le misure minime di protezione (lo si evince anche dal servizio del Quotidiano sulla RSI, in cui è apparso), oltre al fatto che il gregge è stato fatto uscire all’alba, ora nota per essere il momento preferito dei canidi per la caccia. Avrebbe dimostrato maggiore saggezza se avesse aspettato almeno le 8 ma, evidentemente, non conosce a sufficienza la specie o ha voluto servirgli un bel banchetto su un piatto d’argento, visto che la recinzione elettrificata non era nemmeno stata attivata. Quindi di cosa stiamo parlando? In Ticino TUTTI i casi segnalati sono risultati indifendibili da un punto di vista del risarcimento in seguito a danni causati dal lupo perché non rispettavano le norme di protezione di base. È sbagliato quindi usare, o meglio strumentalizzare senza alcun rispetto, le morti dei loro animali per rappresentare la situazione di tutto il settore, perché questo significa fare disinformazione. Con questo non vogliamo negare che il lupo sia presente e abbia capito che, dove non ci sono ostacoli, predare greggi che non fuggono è più facile che predare selvaggina, per questo motivo bisogna reimparare il mestiere alla luce di questa presenza, come lo si è fatto per adeguarsi alla scarsità d’acqua e per altri cambiamenti ambientali. Auspichiamo sinceramente che il Cantone e la Confederazione si mobilitino per la creazione di una sezione atta a formare obbligatoriamente tutti i contadini sulle nozioni biologiche, di protezione e di convivenza tra contadini e predatori e che, con l’aiuto anche di volontari ed Enti come WWF e Pronatura, organizzino se necessario delle giornate per la posa delle protezioni là dove i contadini da soli non sono in grado di provvedere. È assolutamente necessario che i luoghi comuni, le falsità e i miti vengano sfatati e sostituiti con informazioni aggiornate e utili per adeguarsi ai tempi che corrono o  diretti interessati resteranno sempre più indietro rispetto al mondo che impone una maggiore protezione della biodiversità. In tempi di scarsità di risorse, clima impazzito e di minor interesse delle nuove generazioni verso questo settore, è evidente che bisogna metterci del proprio non solo per sopravvivere contro i predatori e le forze della natura ma anche per garantire un futuro all’agricoltura stessa, rendendola di nuovo attrattiva. E oggi chi si ostina a lottare contro la natura non lo è. La simbiosi è l’unica soluzione per durare nel tempo ed essere sostenibili sul piano ecologico, economico e sociale.

Non cadiamo quindi nella trappola di chi vuol solo ottenere visibilità mediatica e creare scalpore, senza portar nessun tipo di proposta propositiva: ci chiediamo infatti cosa faccia l’associazione ticinese per la protezione del territorio dai grandi predatori di concreto per aiutare i contadini. Ha elargito aiuti finanziari o di manodopera oppure si fa sentire solo quando c’è da far polemica sui giornali? Ciò che fa di concreto, a nostro avviso, è illudere i contadini che l’abbattimento sia una soluzione efficace e diffondere informazioni errate sulla biologia del lupo. Lasciamo perdere queste discussioni e concentriamoci sulle soluzioni reali, ovvero: dissuadere il lupo alla predazione e informare, aiutare e valorizzare gli agricoltori con lungimiranza.

Di seguito vorremmo dunque riassumere alcune nozioni importanti, che sono state distorte con una comunicazione strumentalizzata da parte dei gruppi anti-lupo, come quelli del signor Mattei:

1. I lupi non uccidono tutto il gregge (overkilling), lasciandolo lì, per cattiveria. Lo fanno perché si trovano davanti a prede che, anziché scappare, girano in tondo e ciò li confonde a tal punto da renderli euforici e stancarsi tanto da dover poi andare a riposare prima di tornare a consumare le prede.
2. Il lupo per l’agricoltura rappresenta una risorsa, tenendo lontani dai campi e dai vigneti gli animali erbivori che generalmente arrecano maggiori danni economici (come cinghiali, cervi e altri erbivori). Può rappresentare invece un problema alla custodia del pascolo minuto quindi soprattutto di ovi caprini. Questi andrebbero gestiti correttamente, sia con i metodi più classici come le apposite recinzioni, l’utilizzo di cani da protezione ben educati ma esistono in commercio anche sistemi innovativi efficaci come gli allarmi anti-lupo di secour.ch.
3. La Svizzera non è un’isola, per tanto anche se il lupo venisse sterminato (cosa per altro ingiusta e dannosa per l’ecosistema) torneranno sempre altri esemplari dai paesi confinanti.
4. Sono principalmente i lupi “di passaggio”, individui singoli in dispersione, a dare maggiori problemi (non avendo un branco). Infatti, uccidendo membri di un branco consolidato, quest’ultimo rischia di venire destabilizzato generando un branco indebolito che può rivolgersi più facilmente a prede facili oppure un branco disgregato con singoli individui in dispersione quindi maggiore rischio di predazione.
5. La presenza di un branco (o famiglia di lupo), che sulle Alpi è mediamente composto da 5 individui (2 genitori + 3 figli) ed occupa un territorio di ca 200 km2, limita la presenza di altri lupi di passaggio e fornisce quindi una protezione indiretta dai lupi più inclini alla predazione del bestiame non custodito.
Concludo citando una frase saggia di un allevatore di pecore italiano: “credere di risolvere il problema della protezione del bestiame non custodito pensando di sparare al lupo è come dire all’agricoltore che non vuole tenere al sicuro le proprie granaglie di sparare a tutti gli uccellini!”


Miriam Genchev
_______________________________________
in wilderness is the real essence of the earth

Gruppo Uomo e Biodiversità
Portavoce


bloody hatred of the wolf… everywhere * odio sanguinoso verso il lupo… ovunque

Italian text below

Hunters killed 20 Yellowstone wolves that roamed out of the park. With the support of the American public two and a half decades ago, wolves got a second chance to claim their place in the wild. In 1995 and 1996, the federal government brought wolves back to Yellowstone National Park and Idaho after 70 years of being gone. What unfolded next was a wild homecoming that changed the landscape. The return of gray wolves to their rightful homes in Yellowstone National Park and the surrounding states of Idaho, Montana, and Wyoming has brought ecological balance, thriving tourism economies, and promise of peaceful coexistence with native predators.

Unfortunately, wolves’ environmental and economic value is lost on many policymakers in the region who have chosen not to coexist with wolves but rather to allow people to inflict some of the worst cruelty imaginable on them. A piece of Yellowstone falls in Montana, another in Idaho, and the rest in Wyoming. And if a wolf wanders beyond the safety of Yellowstone’s reach across the park’s invisible boundary, they face more threats than they could possibly know – neck snares, baits, traps, and hate.

Wyoming has been a perilous state for wolves for several years – it permits wolves to be killed by any means, at any time, without a license in all but its northwest corner. Idaho and Montana are no better – earlier this year, both states expanded their hunting seasons, increased the number of wolves that can be killed, and increased the ways wolves can be killed. Montana and Idaho’s newfound commitment to slaughter their wolf populations prompted outrage from scientists, wildlife managers, and the general public. It also prompted the U.S. Fish and Wildlife Service to initiate a status review to determine if they need to restore federal protections to gray wolves in the region.

We gave wolves a second chance in 1995 and 1996. With second chances so hard to come by, should we be willing to throw them away? USFWS is accepting public comments, so please add your voice today on why an emergency relisting is warranted.

Comment https://engage.nywolf.org/site/R?i=QJoZL7jw6WPfqj7D2Z48uxICY7gvAqbiFsHdhs58ufMsA7h9K4uhCg

There is no sound scientific or legal argument as to why the gray wolf can’t be granted an emergency relisting and undergo a status review simultaneously. If Interior Secretary Deb Haaland wishes to end the slaughter, the Endangered Species Act gives her ample authority and discretion to stop it – cold. That’s what she should do. Call on the Interior to restore protections now.

Take Action https://engage.nywolf.org/site/R?i=eoeHydcbCNItD3LPhuNrmQqDRZ4lvC5QEKFnGZN6GE9kF5hr_uruFQ

Wolf Conservation Center P.?O. Bo?x 42?1 So?uth Sa?lem, N?Y 105?90 | Tel: 914-763-2373 contact@nywolf.org contact@nywolf.org

Wolf Conservation Center is a registered nonprofit charitable organization #1?3-407?3912

2022 Wolf Conservation Center.

© All rights reserved.

Dei cacciatori hanno ucciso 20 lupi di Yellowstone che vagavano fuori dal parco. Con il supporto del pubblico americano due decenni e mezzo fa, i lupi hanno avuto una seconda possibilità di rivendicare il loro posto in natura. Nel 1995 e nel 1996, il governo federale ha riportato i lupi nel Parco nazionale di Yellowstone e nell’Idaho dopo 70 anni di assenza. Quello che accadde dopo fu un selvaggio ritorno a casa che cambiò il paesaggio. Il ritorno dei lupi grigi nelle loro legittime case nel Parco Nazionale di Yellowstone e negli stati circostanti di Idaho, Montana e Wyoming ha portato equilibrio ecologico, prospere economie turistiche e promessa di una pacifica convivenza con i predatori nativi.

Sfortunatamente, il valore ambientale ed economico dei lupi è perso per molti politici della regione che hanno scelto di non coesistere con i lupi, ma piuttosto di permettere alle persone di infliggere loro alcune delle peggiori crudeltà immaginabili. Un pezzo di Yellowstone cade nel Montana, un altro nell’Idaho e il resto nel Wyoming. E se un lupo vaga oltre la sicurezza della portata di Yellowstone attraverso il confine invisibile del parco, deve affrontare più minacce di quante ne possa immaginare: trappole per il collo, esche, trappole e odio.

Il Wyoming è uno stato pericoloso per i lupi da diversi anni: consente di uccidere i lupi con qualsiasi mezzo, in qualsiasi momento, senza una licenza in tutto tranne che nel suo angolo nord-ovest. L’Idaho e il Montana non stanno meglio: all’inizio di quest’anno, entrambi gli stati hanno ampliato le loro stagioni di caccia, aumentato il numero di lupi che possono essere uccisi e aumentato i modi in cui i lupi possono essere uccisi. Il ritrovato impegno di Montana e Idaho a massacrare le loro popolazioni di lupi ha suscitato indignazione da parte di scienziati, gestori della fauna selvatica e pubblico in generale. Ha anche spinto il Fish and Wildlife Service degli Stati Uniti ad avviare una revisione dello stato per determinare se è necessario ripristinare le protezioni federali per i lupi grigi nella regione.

Abbiamo dato ai lupi una seconda possibilità nel 1995 e nel 1996. Con una seconda possibilità così difficile da trovare, dovremmo essere disposti a buttarli via? USFWS accetta commenti pubblici, quindi per favore aggiungi la tua voce oggi sul motivo per cui è giustificata una rimessa in vendita di emergenza.

Comment https://engage.nywolf.org/site/R?i=QJoZL7jw6WPfqj7D2Z48uxICY7gvAqbiFsHdhs58ufMsA7h9K4uhCg

Non ci sono valide argomentazioni scientifiche o legali sul motivo per cui al lupo grigio non può essere concessa una rimessa in vendita di emergenza e contemporaneamente sottoporsi a una revisione dello stato. Se il segretario all’Interno Deb Haaland desidera porre fine al massacro, l’Endangered Species Act le conferisce ampia autorità e discrezione per fermarlo – freddamente. Ecco cosa dovrebbe fare. Chiama subito l’Interno per ripristinare le protezioni.

Take Action https://engage.nywolf.org/site/R?i=eoeHydcbCNItD3LPhuNrmQqDRZ4lvC5QEKFnGZN6GE9kF5hr_uruFQ

Wolf Conservation Center P.?O. Bo?x 42?1 So?uth Sa?lem, N?Y 105?90 | Tel: 914-763-2373 contact@nywolf.org contact@nywo

I veri numeri del lupo * The true numbers of the wolf

(c) WWF CH https://www.wwf.ch/it/specie/lupo-predatore-sociale

Cortesia di Alessandro Bassi Cademario (english text below)

Un vecchio aforisma così recita: ” Gli uomini usano le statistiche (e i numeri) cosi come un ubriaco usa i lampioni: non per illuminare la strada ma per sostegno”. È quello che sta accadendo ormai da mesi da parte dell’Associazione per un territorio senza Grandi Ppredatori e da tutti coloro che promuovono il loro sterminio.

Facciamo un confronto tra due territori: il Canton Ticino e il Parco Nazionale d’Abruzzo. Il Ticino ha una superficie di 280.000 ettari, di cui boschive, agricole ed improduttive (alta montagna, ad es.) per 150.000 ettari. Il Parco Nazionale d’Abruzzo ha una superficie di 50.500 ettari ed una zona di protezione esterna (ZPE) di 80.000 ettari; un totale di 130.500 ettari. In Ticino si stimano mediamente una decina di lupi, 80 in tutta la Svizzera. Nel Parco d’Abruzzo si stimano un’ottantina di lupi, un numero uguale a quello dell’intera Svizzera su un territorio inferiore a quello del Ticino.  Per non parlare dei circa 50 orsi presenti nel parco. 

In Svizzera, invece, l’orso è riapparso nel 2005 dopo averlo sterminato, insieme a tutti i grandi predatori eccetto l’aquila, 100 anni prima!

In Ticino si trovano 588 aziende di allevamento di animali secondo il rapporto dell’Ufficio di statistica del Cantone Ticino. Nel Parco d’Abruzzo, invece, sono presenti 1665 aziende di allevamento di animali (vd. Conflitto tra grandi carnivori e attività antropiche nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise- Università di Padova 2012-2013).

Il Parco d’Abruzzo ha piû di 1 milione di visitatori all’anno contro 1,6 milioni di turisti nel Cantone nel 2016, ad esempio. Come mai in Abruzzo è possibile una simile convivenza, anche con ovvi ma superabili problemi?

Con simili dati è mai possibile che si continui a gridare, come nell’800: Al lupo! Al lupo!?”. Ê mai possibile che, come nell’800, un’associazione come quella per un territorio senza grandi predatori, presente in tutta la Svizzera, ripeta slogan che risalgono a 100 anni fa? Nel 1911 un famoso naturalista italiano, Alessandro Ghigi, scriveva sul Corriere della Domenica: “Ove il Governo non provveda a tempo, date le ben note abitudini del lupo, non dovrà recar meraviglia se fra qualche anno, in occasione di nevicate eccezionali, si sentirà parlare paurosamente di lupi affamati, riuniti a frotte nel Mezzogiorno d’Italia”. 

Nei decenni successivi il lupo venne quasi sterminato, in realtà. Altro che “lupi affamati”.

An old aphorism goes like this: “Men use statistics (and numbers) just as a drunk uses street lamps: not to light the way but to support”. This is what has been happening for months by the Association for a Territory without Large Predators and by all those who promote the killing of them all.

Let’s make a comparison between two territories: the Canton of Ticino and the Abruzzo National Park. Ticino has an area of ​​280,000 hectares, of which 150,000 hectares are wooded, agricultural and unproductive (high mountains, for example). The Abruzzo National Park has an area of ​​50,500 hectares and an external protection area (ZPE) of 80,000 hectares; a total of 130,500 hectares.
An average of ten wolves are estimated in Ticino, 80 throughout Switzerland. In the Abruzzo Park there are an estimated eighty wolves, a number equal to that of the whole of Switzerland in a territory smaller than that of Ticino. Not to mention the approximately 50 bears in the park.

In Switzerland, however, the bear reappeared in 2005 after having exterminated it, along with all the large predators except the eagle, 100 years earlier!

In Ticino there are 588 animal breeding companies according to the report of the Statistics Office of the Canton of Ticino. In the Abruzzo Park, on the other hand, there are 1,665 animal breeding farms (see Conflict between large carnivores and anthropogenic activities in the National Park of Abruzzo, Lazio and Molise – University of Padua 2012-2013).

The Abruzzo Park has more than 1 million visitors a year against 1.6 million tourists in the Canton in 2016, for example. Why is such a coexistence possible in Abruzzo, even with obvious but surmountable problems?

With such data, it is ever possible to continue shouting, as in the 19th century: to the wolf, to the wolf?” Is it ever possible that, as in the 19th century, an association like that for a territory without large predators, present throughout Switzerland, repeats slogans that date back 100 years ago?
In 1911 a famous Italian naturalist, Alessandro Ghigi, wrote in the Corriere della Domenica: “If the Government does not provide in time, given the well-known habits of the wolf, it should not be surprising if in a few years, during exceptional snowfalls, he to speak fearfully of hungry wolves, gathered in droves in southern Italy”.
In the following decades, the wolf was actually almost exterminated. Well other than “hungry wolves”.

Isn’t over… biodiversity is still in danger

It was a decisive weekend for biodiversity in our little Switzerland. This doesn’t mean that the problems for some species of animals are over. There will always be hunters aware that in order to practice their bloodthirsty “sport”, they will kill pregnant ungulates or undersized one’s mistaking them for some other species… they will kill the dog of the fellow hunter by confusing him with a boar or worse, they will shoot at another hunter. A fatal mistake, which unfortunately happens all too often even at our latitudes.
There always will be poachers of all kinds, even those who are game-wardens by profession, which happened and which caused a scandal in western Switzerland a couple weeks ago. Therealways will be the bloodthirsty on the hunt for trophies: coveted by personalities who love the macabre ornament, the horns to hang in the farmhouse or domestic living room. There always will be those from abroad who are ready to shell out a lot of euros, which go into the pockets of unscrupulous municipalities.
There will be the usual bastards who will set traps or shoot at random, and perhaps not mortally wounding their victims but leaving them to wander for days in abominable pain before dying.

Nobody likes to talk about that.
It spreads over the usual veil of silence.
It is a truth that sporting hunters, taking up a nice rifle complete with a telescopic sight that allows you to identify the prey from miles away, will not admit.
Just as they will not confess to foraging their future prey by putting food and salt in selected areas, to make sure that the animals get used to it. It will then be an easy task, at the opening of the hunting season, to return there no longer with forage but with a rifle and bullets.
Although with a small “gap” since the “most cruel canton’s in terms of tolerance towards animals” accepted the changing of the Hunting Law by a large majority, and the list of these cantons was clear even before the count was made.
But, at least, for this time, common sense prevailed.
The Federal Council will already be planning a rematch: they will be angry by this setback; I dare to say, “bestial” mad.

I was surprised and disappointed by the arguments of many people who, perhaps out of naivety or ignorance, still believe in the “danger” of certain animals towards humans.
I can understand that the beaver with its dams floods the cultivated fields and annoys the farmers, or that a swan to protect her offspring attacks the tourist with a camera, creating a moment of panic.
We humans are the problem, with our arrogance in wanting to believe ourselves masters of the world! If we tried to respect all species (even plant species) by observing an appropriate conduct, there would be no absurd problems, apparently in some isolated cases.
The same thing goes for large predators: there are rules and behaviors to consider in how to properly protect farm animals, as well as ourselves when we are in presence of predators.
Man is not the master of the world. We have stolen the territories of many species, many already extinct at the same time. We are in a catastrophic situation where the threat of extinction affects us personally; biologist and scientists have calculated that in 15 – 20 years 70% of all species will be extinct.
Is this what we want?
Isn’t it better that humanity finally pay the right respect to a planet that gives us nourishment, without asking for anything in return?

È stato un fine settimana decisivo per quanto concerne la biodiversità nella nostra piccola Svizzera. Questo non significa che i problemi per alcune specie di animali siano conclusi. Ci saranno sempre cacciatori avvidi che pur di praticare il loro “sport” sanguinario, ammazzeranno ungulati gravidi o piccoli sotto misura scambiandoli per qualche altra specie; che uccideranno il cane del compagno cacciatore confondendolo con un cinghiale o peggio ancora spareranno ad un altro cacciatore. Un fatale errore, che purtroppo accade fin troppo spesso anche alle nostre latitudini. Ci saranno sempre i bracconieri di ogni tipo, anche quelli che di professione fano i guardiacaccia, cosa accaduta e che ha generato uno scandalo nella Svizzera occidentale qualche settimana or sono. Ci saranno sempre i sanguinari alla caccia di trofei: le corna da appendere nella cascina o salotto domestico, sono ambite da personalità che amano il macabro ornamento. Quelli che dall’estero sono pronti a sborsare fior di euro, che vanno in tasca ai comuni privi di scrupoli. Ci saranno i soliti bastardi che metteranno trappole o spareranno a vanvera, magari ferendo non mortalmente la loro vittima ma lasciandola a vagare per giorni in preda ad abominevoli dolori prima di morire.

Ma di questo, non se ne parla. Si stende sopra il solito velo dell’omertà.

Sono verità che gli sportivi cacciatori, imbracciando un bel fucile con tanto di mirino telescopico che permette di individuare la preda a chilometri di distanza, non ammetteranno. Come non confesseranno di foraggiare le loro future prede mettendo in zone prescelte cibo e sale, per assicurarsi che gli animali vi prendano l’abitudine. Sarà poi un gioco, all’apertura della caccia, ritornarvi non più con il foraggio ma con fucile e pallottole. Anche se con un piccolo “scarto” visto che i cantoni più crudeli in fatto di tolleranza verso gli animali hanno accettato a grande maggioranza, e la lista di questi, era chiara ancora prima che si facesse lo spoglio.

Ma, almeno per questa volta, il buon senso ha avuto la meglio. Il Consiglio Federale starà già pianificando una rivincita: saranno incavolati per questo smacco oserei dire “bestiale”. Sono stata sorpresa e delusa dalle argomentazioni di tante persone che, forse per ingenuità o per ignoranza, ancora credono nella “pericolosità” di certi animali verso gli umani. Posso capire che il castoro con le sue dighe allaghi dei campi coltivati ed infastidisca gli agricoltori, o che un cigno per proteggere la propria prole assalisca la turista munita di macchina fotografica creando un attimo di panico.

Il problema siamo noi umani, con la nostra arroganza nel volerci credere padroni del mondo! Se cercassimo di rispettare tutte le specie (anche quelle vegetali) osservando una condotta appropriata, non ci sarebbero problemi assurdi, a pare qualche caso isolato. Stessa cosa vale per i grandi predatori: ci sono regole e comportamenti da osservare per come proteggere in modo corretto gli animali da allevamento come pure noi stessi quando ci trovassimo al loro cospetto. L’Uomo non è il padrone del mondo. Abbiamo rubato i territori a moltissime specie, in parte nel contempo estinte. Ci troviamo in una situazione catastrofica dove la minaccia d’estinzione ci tocca personalmente, scienziati biologi hanno calcolato che tra 15 – 20 anni il 70% di tutte le specie sarà estinto.

È questo che vogliamo?

Non è forse meglio metterci una volta per tutte a portare il giusto rispetto verso un pianeta che ci dà nutrimento, senza chiedere nulla in cambio?